Hybrid Theory

Scritto da Stuz, il 12 Settembre 2012

 

Forgotten

From the top to the bottom
Bottom to top I stop
At the core I've forgotten
In the middle of my thoughts
Taken far from my safety
The picture is there
The memory won't escape me
But why should I care

There's a place so dark you can't see the end
(Skies cock back) and shock that which can't defend
The rain then sends dripping / an acidic question
Forcefully, the power of suggestion
(Then with the eyes tightly shut) looking through the rust and rot and dust
A spot of light floods the floor
And pours over the rusted world of pretend
(The eyes ease open) and it's dark again

From the top to the bottom
Bottom to top I stop
At the core I've forgotten
In the middle of my thoughts
Taken far from my safety
The picture is there
The memory won't escape me
But why should I care

In the memory you'll find me
Eyes burning up
The darkness holding me tightly
Until the sun rises up

Moving all around
Screaming of the ups and downs
Pollution manifested in perpetual sound
The wheels go 'round and the sunset creeps past the
Street lamps, chain-link and concrete
A little piece of paper with a picture drawn
Floats on down the street till the wind is gone
The memory now is like the picture was then
When the paper's crumpled up it can't be perfect again

From the top to the bottom
Bottom to top I stop
At the core I've forgotten
In the middle of my thoughts
Taken far from my safety
The picture is there
The memory won't escape me
But why should I care

In the memory you'll find me
Eyes burning up
The darkness holding me tightly
Until the sun rises up

Now you got me caught in the act
You bring the thought back
I'm telling you that
I see it right through you

In the memory you'll find me
Eyes burning up
The darkness holding me tightly
Until the sun rises up

Dimenticato

Da cima a fondo
Dal fondo alla cima mi fermo
Nel mezzo ho dimenticato
Al centro dei miei pensieri
Portato lontano dalla mia sicurezza
L’immagine è là
Il ricordo non fuggirà da me
Ma perché dovrei preoccuparmene?

C’è un posto così buio che non se ne vede la fine
I cieli si rialzano e sconvolgono quel che tu non puoi difendere
La pioggia poi manda gocciolando una domanda acida
Con forza, il potere della suggestione
Poi con gli occhi serrati, guardando attraverso la ruggine e il marciume
E la polvere, una macchia di luce inonda il pavimento
E fluisce sopra il mondo arrugginito di finzione
Gli occhi si aprono senza sforzo ed è buio di nuovo

Da cima a fondo
Dal fondo alla cima mi fermo
Nel mezzo ho dimenticato
Al centro dei miei pensieri
Portato lontano dalla mia sicurezza
L’immagine è là
Il ricordo non fuggirà da me
Ma perché dovrei preoccuparmene?

Nel ricordo mi troverai
Con gli occhi che bruciano
Il buio mi terrà stretto
Finché il sole non sorgerà

Muovendomi tutto attorno
urlando per gli alti e i bassi
L’inquinamento manifestato in un suono eterno
Le ruote girano e il tramonto striscia oltre
I lampioni, le catene e il cemento
Un piccolo pezzo di carta con un’immagine disegnata
Vola sulla strada fino a che il vento non cessa
Il ricordo è ora com’era allora l’immagine
Quando la carta è stropicciata non può tornare perfetta di nuovo

Da cima a fondo
Dal fondo alla cima mi fermo
Nel mezzo ho dimenticato
Al centro dei miei pensieri
Portato lontano dalla mia sicurezza
L’immagine è là
Il ricordo non fuggirà da me
Ma perché dovrei preoccuparmene

Nel ricordo mi troverai
Con gli occhi che bruciano
Il buio mi terrà stretto
Finché il sole non sorgerà

Ora mia hai colto sul fatto
Tu riporti indietro il pensiero
Ti sto dicendo che
Lo vedo proprio attraverso di te

Nel ricordo mi troverai
Con gli occhi che bruciano
Il buio mi terrà stretto
Finché il sole non sorgerà

 

Commenti

Torna in cima alla pagina

Cerca nel sito...