Motorhead - The World Is Yours

Scritto da Andrea Pulita, il 18 Dicembre 2010

ImmagineSono ormai alcuni anni che i Motorhead sembrano non volerci viziare più di tanto...dopo il buon Hammered del 2002, i Nostri hanno pubblicato il deboluccio Inferno del 2004, seguito a ruota dallo strepitoso Kiss of Death del 2006 e puntuale, nel 2008 esce il mediocre Motorizer. Poteva mancare in questo 2010 un nuovo album dei Motorhead? Certo che no! E, come da premessa è un piccolo gioiello!

Lo stile del terzetto londinese è ben collaudato (e qualcuno direbbe perfino abusato) ma funziona alla grande trattandosi di puro rock n' roll, rumoroso, sporco ma anche dannatamente blues.

Non appena il laser inizia a leggere i primi solchi digitali del dischetto inserito nello stereo veniamo investiti da un impetuoso break batteristico del sempre bravo Mikkey Dee che fa da introduzione a Born To Lose. Sorretta da un riffone spaccastereo dove attacca subito la roca voce dell'highlander Lemmy Kilmister, un uomo che dopo 65 anni di abusi e vizi ha ancora da insegnare a musicisti ben più giovani riguardo energia e attitudine, è il miglior biglietto da visita per questa nuova fatica dei Motorhead.I Know How to Die è veloce e molto live oriented, dove secondo me renderebbe anche meglio che su disco. Molto notevole l'assolo di Phil Campbell, chitarrista molto spesso sottovalutato.

Get Back In Line è il primo singolo del nuovo album, una canzone dal sound molto blues ma anche fottutamente metallico. Con una melodia accattivante nel ritornello e un testo tutto tranne che "vendibile" che si riassume nell'ultima frase gracchiata da Lemmy "If you think that Jesus saves, get back in line". Canzone che sembra uscita da qualche ottimo album motorhediano degli anni '80.

Devils In my Head è la tipica canzone che ti aspetti dai Motorhead: veloce, potente e con l'ottimo assolo centrale. Comunque, niente di nuovo rispetto a quanto già fatto in passato benchè sia una signora canzone.
La "next in line" è Rock n' Roll Music....e davvero pretendete che spenda qualche parola su una canzone che ha QUESTO titolo? Andrebbe inserita nei libri di scuola di musica sotto la voce rock n' roll per insegnare il vero significato di tale espressione a chi ci si sciacqua troppo spesso la bocca snaturandola.

Waiting For the Snake inizia con un mid-tempo molto groovy ma continua su coordinate decisamente più consone al terzetto. Ne approfitto per stendere un plauso all'ottima produzione di Cameron Webb che ha saputo mantenere intatta il live-sound della band senza per questo impastare i suoni. Tutti gli strumenti (compreso il basso di Lemmy....incredibile!!!) sono ben udibili e distinguibili senza perdere nulla in potenza e senza saturazioni di sorta.

Brotherhood of Man è un pezzo oscuro cantanto da un Lemmy mai così grave e catarroso. Resta comunque uno dei pezzi più deboli (sull'album) ma potrebbe essere ben sfruttato nella sfera di un live show.
Parlavamo di canzoni realizzate per essere suonate dal vivo? Eccola! Outlaw, farà devasti in uno show, con ritornello da (far) cantare, tremendamente semplice ma anche incredibilmente efficace.
I Know What You Need è la canzone veloce del disco, un assalto frontale rock n' roll che nei suoi neanche 3 minuti sembra ben sintetizzare i 35 anni di carriera dei Nostri.

La chiusura dell'album è affidata alla allegra Bye Bye Bitch Bye Bye (e poteva mai mancare una canzone sul vizio preferito di Lemmy?). Un pezzo "saltellante" che con un ritmo travolgente carica e diverte.

Questo album mette tanta carne al fuoco e anche di ottima scelta. E' vero che i Motorhead soffrono un po' della stessa sindrome degli Ac/Dc ovvero di fare sempre (o quasi) lo stesso disco cambiando (neanche tanto) la copertina ma al contrario del gruppo guidato dai fratelli Young, che negli ultimi anni sembra trascinarsi stancamente, i Motorhead rimangono potenti, divertenti e "in your face". Squadra che vince non si cambia e i Motorhead han tanto vinto e tanto vinceranno.
"We are Motorhead and we play Rock n' Roll" come dice Lemmy ad inizio show...forse, l'unico vero dogma certo della vita...

Voto: 8,5

Tracklist

  1. Born To Lose
  2. I Know How To Die
  3. Get Back In Line
  4. Devils In My Head
  5. Rock n' Roll Music
  6. Waiting For The Snake
  7. Brotherhood Of Man
  8. Outlaw
  9. I Know What You Need
  10. Bye Bye Bitch Bye Bye

Commenti

Torna in cima alla pagina

Cerca nel sito...