"One Year Gone": Kerrang! intervista Talinda e la famiglia di Chester

Scritto da Marisol De Rensis, il 24 Luglio 2018

A distanza di un anno, la scomparsa di Chester Bennington tocca ancora milioni di persone in tutto il mondo. Per celebrare l'anniversario della sua morte, la moglie di Chester, Talinda Bennington, la madre Susan Eubanks e la sorella Tobi Knehr , parlano per la prima volta del loro amore e della loro perdita – e del perché la sua tragica scomparsa, debba informare e cambiare per sempre le nostre conversazioni sulla salute mentale.

Lui è sempre nei pensieri di sua moglie. I ricordi insieme resteranno lì in eterno, catturando la sua gentilezza, il modo in cui sorrideva, o i momenti buffi in cui la faceva ridere. Romanticismo, divertimento e passione: prevalevano in tutto quello che faceva ed era ciò che amava di lui. Anche la sua autenticità e lealtà sconfinata erano importanti, così come il commovente modo in cui i suoi figli idolatravano il loro papà. Per Talinda trovare le parole giuste per descrivere Chester è stato un processo emotivo, ma ha raccolto il coraggio per ricordare la tenerezza della loro relazione, il ruolo di Chester come padre di sei bambini: Jaime, Isaiah, Draven Sebastian, Tyler Lee, Lilly and Lila - e il suo costante desiderio di migliorare come persona, ogni giorno.

"Come sua moglie, mi diceva sempre quanto mi amasse e apprezzasse", dice. "Era molto affettuoso e mi diceva ogni giorno che ero bellissima - anche quando ero grassa e incinta! Come padre, era molto presente. Trovava il tempo per ascoltare i più piccoli e per scoprire il perché fossero arrabbiati, quando il loro unico modo di comunicare era piangere. Avrebbe trovato il tempo per guardare i film di Barbie con le ragazze e giocare ai videogiochi con i ragazzi. E come capo della nostra famiglia, ha sempre lavorato duramente per garantire il nostro futuro e assicurarsi che non ci mancasse nulla. Lottava ogni giorno per essere sano anche per il nostro bene, sia fisicamente che mentalmente. Voleva essere il migliore, per noi. Mi osservava quando dormivo, dicendomi quanto mi amasse. Io mi sarei svegliata e l’avrei trovato a registrare il tutto con la videocamera (guardava i video quando era lontano e sentiva la mancanza) e avrei cominciato a ridere così tanto! Un po’ per un leggero imbarazzo, ma soprattutto perché era così romanticamente comico. Era così speciale per me, perché era la mia anima gemella. Ci conoscevamo a vicenda dentro e fuori e potevamo comunicare spesso senza parole. Era così speciale per me, perché era un padre presente e amorevole per i nostri bambini e il marito più romantico e affettuoso che una donna possa mai sognare. Da dove proveniva?! Dio, era il mio cuore e la mia anima. L'ho amato dal primo momento in cui l’ho visto."

In questi ultimi 12 mesi, la memoria di Chester Bennington ha continuato a crescere. La sua presenza rimane vivida; la sua personalità guadagna più rispetto e peso di giorno in giorno, mentre nuovi tributi da parte di coloro che erano legati a lui acquistano slancio. Proprio il mese scorso, Mike Shinoda, caro amico e compagno di band, ha spiegato che Chester portava con sé una "sorta di apertura e spontaneità infantile". Ad ogni intervista, si scopriva un altro lato del carattere di Chester, rivelando nuove profondità e tratti accattivanti, come se si girassero le pagine di una biografia intima scritta dalle persone più vicine al suo cuore. Per coloro che lavoravano nel suo ambito, tuttavia, poteva essere un carattere combattivo. Un uomo che, per sua stessa ammissione, voleva "agitare le cose" in studio, mentre si concentrava liricamente sulle priorità che considerava più importanti. Questi spunti creativi e punti di vista politici, divennero presto un legame avvincente tra Chester e i fan dei Linkin Park. Le persone capivano che quelle lotte erano universali e riconoscevano il bisogno di Chester di scagliarsi contro i suoi demoni percepiti nei sette album in studio, perché si batteva per una giusta causa. "Le cose che possono farti incazzare", diceva Chester, parlando dell’ispirazione per il loro sesto album in studio, The Hunting Party"Indipendenza, identità, creatività, libertà di esprimere tutte queste cose. C'è così tanto del mondo che mi fa incazzare in questo momento. Diventa semplicemente ogni giorno più folle e assurdo. Ma non c'è una singola risposta per tutti i nostri problemi. Siamo in un posto interessante come società mondiale. Ci sono molte innovazioni davvero sorprendenti e cose incredibili che possono rendere il mondo migliore, ma allo stesso tempo ci sono ancora persone che sopravvivono e persone che vivono ancora senza luce, tra lo sterco bruciato o tra cumuli di spazzatura. Questo, non ha senso per me."

"Il suo lascito comprende tutto ciò che ha fatto e tutto ciò che era", dice Talinda "la sua memoria per me sarà sempre, prima come anima gemella, migliore amico, marito e padre. Sono consapevole che la sua musica, è la sua eredità per il mondo. Forse un giorno, quando riuscirò a sentire la sua musica senza incespicare nel dolore più profondo, l’apprezzerò anche io. Aveva la capacità di far sentire speciale e importante ogni persona con cui parlava. Rifletteva profondamente sulla vita e aveva una grande compassione per gli altri."

chester

"La sua compassione, il suo voler dare e il suo senso dell'umorismo, sono stati i suoi più grandi pregi”, conferma Tobi. Questi sentimenti trovano eco anche in sua madre, che restava sempre colpita dalla "filantropia di Chester, dalla sua capacità di connettersi con gli estranei, da quanto profondamente si preoccupasse per le persone". Ma le sue qualità non furono mai messe in discussione, neanche da piccolo. A quanto pare, da bambino, Chester brillava di "incredibile talento e determinazione. All’età di due anni, ha iniziato a dire a tutti che sarebbe diventato una rockstar. "Contro ogni previsione, questa determinazione si estendeva anche nella vita di tutti i giorni di Chester. Amava giocare a basket in tour, contro ragazzi che sono più alti di me, più pesanti di me e che si stanno scontrando contro di me più forte che possono." Dopo una partita di calcio a cinque, che mise in contatto due giornalisti A&E in seguito, ha affermato di essere un "distruttore". Ma c'era simmetria in Chester, e ciò bilanciava la sua vena aggressiva. Ha combattuto anche per cause caritatevoli, sostenendo PETA e fondando Music For Relief, un gruppo che reagisce ai disastri naturali. "Le persone adoravano vederlo aiutare a costruire case, pulire i detriti e salvare vite umane nel suo lavoro", dice Susan,"Gli piaceva molto aiutare le persone".

Questo senso di equilibrio è ciò che per primo ha attirato all’unanimità la simpatia dei Linkin Park verso Chester, quando arrivò nel 1999. La sua voce vertiginosa portò un allineamento ai ritmi feroci e ai rap violenti: una certa armonia per pareggiare la rabbia. E resistere ai bulli divenne presto il suo obiettivo. "Il suo desiderio di correggere le ingiustizie del mondo, a livello personale e globale, era la qualità che più ammiravo in lui", dice Tobi, "Una volta, durante un concerto dei Linkin Park, Chester aveva notato che un giovane con la sindrome di Down, era stato spinto fuori dal pit da altri fan" -dice Susan- "Chester è sceso dal palco e si è avvicinato per prenderlo, poi ha portato lui e sua madre sul palco e li ha tenuti lì con la band per l'intero spettacolo. Si è mantenuto in contatto con quel giovane fino alla sua morte."  

"Posso onestamente dire che ammiravo ogni qualità che aveva, anche quelle che in genere sarebbero considerate negative", dice Talinda. "Perché? Perché ha affrontato i suoi difetti e ha sempre fatto del suo meglio per migliorarsi. Ciò richiede un'enorme quantità di coraggio e forza"

Cosa hanno visto le altre persone in Chester?

Talinda: "La sua autenticità. Quando qualcuno è autentico come Chester, non importa che sia una superstar. Vedi il suo vero sé - un'anima gentile e amorevole. "

Tobi: "La sua personalità. Era disponibile e non ha mai trattato gli altri come se fossero estranei."

Susan: "Disarmava le persone con il suo sorriso e la sua spontaneità".

C'erano molte altre qualità da amare. "Come fratello, mi ha sempre guardato le spalle, un complice su cui potevo contare". Susan adorava l’eterna fedeltà che mostrava al suo patrigno, ma quell'emozione si estendeva a tutti quelli che lo circondavano. "Era amato per la sua capacità di far innamorare le persone di lui, con un semplice sorriso", dice. "Quando incontravi Chester, eri la persona più importante al mondo, almeno in quei pochi minuti. I suoi testi e la sua voce hanno toccato così tante persone e li hanno aiutati a superare momenti difficili." Tobi ritiene che una delle più grandi qualità di suo fratello sia stata la sua capacità di connettersi e "interessarsi sinceramente" a tutti. "Ha acquistato una reputazione all'inizio della sua carriera, di fare il possibile per i suoi fan", dice,"Si fermava e firmava autografi per ore. Cosa c'era da non amare?"

La tristezza brucia ai margini di ogni ricordo. La morte di Chester, fino ad oggi, è una ferita ancora aperta, le sue ragioni per chiudere il libro sono striate di tragedia, e quelli intorno a lui sono ancora addolorati. Però per Talinda, c'è la determinazione nel trarre qualche positività dal suo capitolo più oscuro. Da quel terribile giorno di luglio dell'anno scorso, è diventata un'attivista per la salute mentale, che parla regolarmente nei gruppi, per far sapere agli altri che non sono soli. "Credo che gli effetti positivi di questa campagna siano molteplici, dall'apertura del dialogo, alla condivisione delle informazioni con chi ne ha bisogno ", afferma, "Per me, la cosa più importante, è che i miei figli sappiano che la morte del loro papà ha spinto le persone a ricevere cure per la loro salute mentale e ha già salvato innumerevoli vite. Questo, ha contribuito a dare un senso a una tragedia insensata." Per alcuni periodi successivi al 20 luglio, Talinda e la sua famiglia avevano disperatamente bisogno di una spinta emotiva, ma non avevano idea che esistesse al di là della loro cerchia di amici e familiari.  “Ma dopo molte chiamate e incontri con centinaia di gruppi e organizzazioni per la salute mentale, mi sono resa conto che c'è molta cura e supporto là fuori," dice. La rivelazione la ispirò ad aiutare coloro che avevano bisogno di assistenza emotiva durante i periodi terribili. "Sapevo che non avevo bisogno di reinventare nulla per quanto riguarda il supporto della salute mentale, avevo solo bisogno di trovare un modo per ottimizzarne l'accesso", dice, "Ho creato 320 Change Direction, (il nome si riferisce alla data del compleanno di Chester) un'iniziativa di salute mentale con soluzioni basate sulla tecnologia per semplificare qualsiasi cosa riguardo la salute mentale, e collaborato con gruppi di salute mentale: Give An Hour e The Campaign Change Direction. Dopo che Chester è morto, non riuscivo a dormire. Mi sono ritrovata su twitter e ho capito che i fan di Chester e Linkin Park mi stavano contattando con dispiacere e disperazione.” 

"Sapevo che Chester non avrebbe mai voluto infliggere dolore a nessuno, né tanto meno ai suoi fan. Volevo aiutare ognuno di loro, ma sapevo che non avevo la capacità emotiva per farlo. E poi mi è venuto in mente: potrei retwittare queste persone (alcune volevano fare del male a se stesse) e chiedere alla famiglia dei Linkin Park di scrivergli e aiutarli con parole di amore e sostegno. Ciò ha creato una bellissima e travolgente risposta di persone in tutto il mondo, che si amavano e si sostenevano a vicenda. Mi ha fatto capire quante persone avevano bisogno e volevano parlare della loro salute mentale e del loro benessere emotivo. Creare questo spazio per parlarne, vedere che non siamo veramente soli a prescindere da quello che stiamo provando, è stata una guarigione incredibile per me. Ho iniziato a guardare dove potevo collegarmi e aiutare. Sulle pagine del sito web di 320 Changes Direction, ci sono cinque indicatori, per segnalare che qualcuno potrebbe essere in una situazione di dolore emotivo: cambiamenti di personalità, agitazione, ritiro in se stessi, scarsa autostima/cura e senso di disperazione. Il sito offre informazioni su come meglio assistere chiunque possa soffrirne. Ti connetti, contatti altri, ispiri speranza e offri aiuto." Ma le statistiche hanno destabilizzato Talinda. "La cosa che più mi ha sorpreso è stata realizzare quante persone e bambini hanno tentato il suicidio almeno una volta." Lei sa che il mondo è in una crisi di salute mentale. "I numeri sono strazianti."

chester

Perché noi come società abbiamo tali difficoltà nel discutere di salute mentale?

Talinda: "La salute mentale storicamente è vista come qualcosa che “ha una persona pazza”, una vergogna per non stare bene o non esser  felice. Per fortuna siamo una società in evoluzione e stiamo imparando che questo, semplicemente, non è vero."

Tobi: "E’ a causa del giudizio altrui della gente ... è stato portato alla ribalta. Il fatto che stiamo avendo una conversazione aperta sulla salute mentale è un inizio. La depressione ha molte facce e non ha sempre lo stesso aspetto. Non può essere definita dalla tristezza."

Susan: "E’ stato un argomento tabù per secoli."

Ci sono passi che possono essere fatti, tuttavia, "abbiamo bisogno di più professionisti di salute mentale nel mondo", dice Talinda. "Bambini, ragazzi, adulti: prendete in considerazione il campo della salute mentale per l’occupazione. Dobbiamo parlare di salute mentale senza pregiudizi. Abbiamo bisogno di saperne di più sulla differenza tra la salute mentale, che tutti abbiamo, e la malattia mentale.”  Alla domanda su come cambiare quello che si dice di questi problemi, spiega che si può fare con piccoli accorgimenti. "Poco per volta. Cambiando parte dei vocaboli che usiamo, parole come 'pazzo' per descrivere qualcuno che soffre di malattia mentale. Cambiare 'commettere un suicidio' con 'morto per suicidio'. Questi sono modi subconsci in cui stigmatizziamo la salute mentale. La conversazione ha bisogno di iniziare a casa. Se possiamo crescere bambini emotivamente intelligenti, allora il futuro riguardo la salute mentale è più luminoso. La morte di Chester ha fatto da catalizzatore incoraggiando un cambiamento nella nostra cultura della salute mentale. Ora, come società, stiamo iniziando ad affrontare la nostra salute mentale con un certo rispetto come per la nostra salute fisica."

"Vent'anni fa nessuno si apriva a nulla", dice Susan. "Ed è da lì che proviene lo stigma." 

"Cercate aiuto e sappiate che non siete solo", dice Tobi. 

"Immagina di dover spiegare ad un figlio di 11 anni perché il suo migliore amico, il suo idolo, si è tolto la vita”, conclude Talinda, "Sapendo anche che un giorno dovrai spiegare come e perché papà è morto, alle tue due bambine. L'unico modo in cui potevo pensare di spiegare questa tragedia era insegnare loro la salute mentale. Il loro papà non stava bene, e devono capirlo da ogni punto di vista. Il loro papà ha toccato e salvato vite attraverso la sua musica, e attraverso la sua morte farà lo stesso. Il loro padre non può essere morto invano - ci deve essere un cambiamento nella nostra cultura e società della salute mentale."

Opportunamente, tutto è tornato al punto di partenza. Le donne della vita di Chester Bennington, stanno ora sostenendo gli svantaggiati, lottando per la consapevolezza della salute mentale, con uno stile che si addice all'uomo che hanno per anni amato e perso. C'è una determinazione di farcela, ispirata dalla sua scomparsa, quella che loro, e noi, non riusciremo mai pienamente a comprendere o riconciliare. Come anima gemella, fratello e figlio, che ha portato loro così tanta felicità nei suoi 41 anni, la loro speranza è quella di fornire un cambiamento positivo a coloro che ne hanno più bisogno.Ogni parola, ogni gesto può aiutare.

A chi importa se un’altra luce si spegne?

Beh, a loro sì. E dovrebbe importare anche a tutti noi.

 

Fonte: Kerrang!

 

Commenti

Torna in cima alla pagina

Cerca nel sito...