Mike intervistato da Billboard

Scritto da Michael, il 22 Febbraio 2017

"Siamo super-entusiasti della canzone e l'entusiasmo che si è sviluppato intorno al brano è stata pazzesco", dice Shinoda a Billboard parlando di Heavy, la quale presenta una collaborazione con la cantante Kiiara. "Abbiamo pubblicato un sacco di singoli, ma questa volta siamo stati presi alla sprovvista riguardo a tutto l'entusiasmo legato al brano".

Ecco cos'ha detto Shinoda riguardo a Heavy e di cosa possiamo aspettarci riguardo il resto di One More Light e dai Linkin Park nei prossimi anni durante l'intervista con Billboard:

Billboard: Ha un suono diverso da quello dei Linkin Park. Com'è nata la canzone?
Mike Shinoda: Con ogni album, ogni canzone, proviamo a sfidare noi stessi. Ci piace provare cose nuove. Vogliamo esplorare nuovi territori con i suoni e i metodi di scrittura. Abbiamo sempre avuto uno stile che missava diverse cose: voglio dire, Hybrid Theory era il nome della band prima che lo cambiassimo in Linkin Park. I fan dei Linkin Park sanno che in ogni album non sai mai cosa sentirai e lo stile può cambiare drasticamente e diversi elementi, diversi generi che ascoltiamo possono finire in prima linea rispetto ad altri quando componiamo.

BB: C'è un aspetto molto mainstream e aspetti molto pop in Heavy che potrebbero sorprendere alcuni fan?
MS: Non so se queste sono le parole che userei, ma pensiamo a cosa potrebbe essere, prima di tutto, scrivere per le persone al di là della band, di approcciarci con cose nuove a braccia aperte, avvolti da un grande pubblico fedele a ciò che facciamo. Quasi un anno e mezzo dopo, questo è il primo assaggio di come dovrebbe suonare.

BB: Com'è il resto di One More Light?
MS: Una delle ragioni per cui abbiamo scelto Heavy come primo singolo è perché rappresenta appieno le sonorità dell'album. Non era il tipico scenario in cui l'intero album suona in un modo e il singolo suona diversamente. Questo singolo rappresenta l'album. Abbiamo deciso di fare uscire una canzone come questa in modo tale che ognuno possa avere un'idea della direzione intrapresa in questo lavoro.

BB: Avevate menzionato di collaborare con altri scrittori questa volta…
MS: Ciò che ha realmente risucchiato questo album è stato il cambiamento che ha avuto il nostro metodo di scrittura delle canzoni. Storicamente per noi venivano prima le parti strumentali, facciamo un sacco di musica e da essa troviamo ispirazione per le parole. In questo caso abbiamo fatto l'operazione opposta e la prima cosa che abbiamo fatto ogni giorno entrando in studio è stata, "cosa passa nella mia mente? Cosa voglio cantare?" e tutto questo ha definito un cambio nel nostro modo di scrivere. Ha edificato delle fantastiche fondamenta in cui poggiare tutto il resto. E la creazione delle sonorità è attualmente una delle parti più divertenti per me, è come una ciliegina sulla torta. So che è una canzone forte, ha solida fondamenta e allora basta solo aggiungere una ciliegina alla sua cima.

BB: Quindi qual è stata la discussione che ha portato alla nascita di Heavy?
MS: Quando abbiamo scritto questo pezzo eravamo io, Brad e Chester assieme ai songwriter Justin Tranter e Julia Michaels. Ricordo che Chester camminava ed era come, "Hey, come stai oggi?" e lui, "OH, sto bene", stavamo uscendo per un paio di minuti e lui diceva, "Sai cosa? Devo essere onesto. Non va bene NIENTE. Non è OK. Mi stanno succedendo troppe cose. Mi sento sotto pressione." Era come se stesse dicendo "quando piove diluvia"; è quel tipo di sentimento che si stava accumulando uno sopra l’altro dando quella sensazione di essere sopraffatti, come a dire, "le cose mi sembrano così pesanti…"

BB: Dei Linkin Park più angosciati, quindi?
MS: Quello che voglio dire è che la chiave di questo brano, la frase più importante è “se solo lasciassi andare sarei libero”. Perché per noi è come riscattarci, “non importa cosa mi sta succedendo, come sto reagendo a tutto ciò? Quali sono le mie responsabilità?”. Queste sono frasi molto importanti; mi sono sentito così quando le abbiamo aggiunte, hanno solidificato il messaggio della canzone.

BB: Kiiara com'è diventata parte della canzone?
MS: Sono stato introdotto a Kiiara da Zane Lowe. L'ha intervistata e le ha chiesto quale fosse la sua musica preferita e lei ha risposto che erano i Linkin Park. Lui mi ha subito inviato una mail dicendomi, "Lei è davvero interessante. Penso sia forte e dovreste incontrarla." Così abbiamo iniziato a parlarne e una cosa tira l'altra. Originariamente Chester ha cantato l'intera canzone, ma ci sentivamo come se avesse bisogno di un'altra prospettiva, se ascolti un'altra voce fa sembrare che il messaggio della canzone stia venendo da più di una persona. Le abbiamo chiesto se le fosse piaciuto cantarci sopra e penso che abbia portato la canzone in un altro livello.

BB: Avete intenzione di iniziare un tour una volta che l’album è uscito?
MS: Abbiamo già confermato diversi festival in America Latina, Europa e Asia. Faremo altri concerti, alcune apparizioni in TV e potremmo avere spazio nel calendario per un altro grande tour. Come al solito, tutta questa roba viene annunciata nei nostri social media.

Potete leggere l'intervista originale cliccando qui.

Fonte: Billboard.com

Commenti

Torna in cima alla pagina

Cerca nel sito...