Intervista a Chester in occasione del Rock on the Range

Scritto da Michael, il 22 Maggio 2015

In una breve intervista, Chester ha rilasciato qualche dichiarazione sul proprio stato attuale di salute, il suo percorso con i Stone Temple Pilots e gli esordi di Hybrid Theory. Di seguito, vi riportiamo la traduzione dell'articolo.

Snello e perennemente imbronciato, Chester Bennington assomiglia più allo sfigato che una volta potrebbe essere stato spinto in un armadietto di scuola media da un bullo che è diventato una rock star. Eppure, "Non ci siamo mai visti davvero come una super-band planetaria", ha detto Bennington, 39 anni, che dal 2013 ha iniziato a lavorare insieme a una seconda major - riempendo il posto vacante di Scott Weiland degli Stone Temple Pilots dopo che è stato licenziato a causa di alcuni problemi dal resto del gruppo.

La vulnerabilità di Bennington come paroliere maschera un equilibrio più profondo: "Sappiamo di essere bravi in quello che facciamo e siamo molto seri". Negli ultimi mesi, però, l'artista ha preso una pagina dal suo songbook vincitore di Grammy - spingendosi attraverso la rabbia e i dubbi dopo essersi rotto una caviglia durante una partita di basket (con successivo intervento chirurgico al piede) che ha lasciato Bennington immobile e insicuro di un suo possibile recupero completo che non impedisca le sue esibizioni. "La cosa di cui scriviamo sempre," ha detto, "è dove trovi la forza di volontà per dire: 'non ho intenzione di lasciarmi portar giù." Un Bennington che sta ancora recuperando, con un concerto programmato per domenica, ha parlato recentemente del suo passato e del presente.

D: Disco d'esordio dei Linkin Park, Hybrid Theory, registrato 15 anni fa. Come ci si sente a risentire ora quei brani ora?

Chester: Tornando indietro a quando l'album è uscito, era l'unica musica che avevamo. È stato molto difficile capitanare degli spettacoli dopo che eravamo "saltati in aria" - abbiamo avuto solo un'ora circa di materiale per una scaletta. Abbiamo suonato quella roba fino all'esaurimento.
Non molto tempo fa, abbiamo suonato al Download Festival (in Inghilterra). Ci è stato chiesto di eseguire Hybrid Theory per intero. Il pubblico ha perso la testa. Ovunque siamo andati, la gente ci diceva: "Questo disco mi ha cambiato la vita" o "La vostra musica è il motivo per cui sono entrato in un gruppo, perché ho iniziato a suonare la chitarra." Era bello sentire di aver creato qualcosa di importante.

D: In senso fisico o emotivo, è più difficile trovare a 39 anni l'adrenalina per eseguire la vostra scaletta più pesante?

Chester: Sarà davvero difficile quest'anno, te lo posso dire con certezza. Fino a quando non mi sono rotto la caviglia, volavo attraverso nei palchi. Avevo preso veramente cura di me stesso - e questo ultimo anno di tour dopo che abbiamo pubblicato The Hunting Party è stato il migliore che abbia mai avuto, vocalmente parlando. Ero nella forma migliore della mia vita; ora, ho atrofie in tutto il corpo. Sono passato dal toccare il cerchio tutto eccitato di saltare allo sperare di poter toccare nuovamente il fondo della rete. Potrò mai saltare nuovamente sui palchi? Non credo che succederà.

D: Cosa puoi ricordare del provino per i Linkin Park nel 1999?

Chester: Io non era a conoscenza del gruppo prima del provino. Una volta che ho sentito la prima demo, è stato speciale. Ricordo che ascoltavo e dicevo: "Questo è diverso; il ritmo è interessante. Il modo in cui stanno suonando non è come quello di tutti gli altri. Questo è [imprecazione] fantastico." Quello che ho notato subito è che non solo stavo pensando alle melodie, pensavo a più melodie contemporaneamente. Era quasi sconvolgente come eccitavano il mio cervello e il mio corpo. Quando sono stato in una stanza con Mike, è stato diverso da qualsiasi altra esperienza. Scrivere brani in tutte gli altri gruppi in cui sono stato era una tortura. Nessuno voleva sentirsi dire dagli altri che le proprie parti non erano buone.

D: Parlando di altri gruppi, hai esitato a prendere il ruolo di Scott Weiland?

Chester: Per me, non volevo mettermi nei panni di qualcun'altro. Sentivo che quella posizione era vacante da tanto tempo. Anche se Scott era lì, onestamente, non credo che sia "stato davvero lì." Nella conversazione iniziale che abbiamo avuto [tra lui e gli Stone Temple Pilots, ndr], ho detto: "Perché volete rinunciare alla vostra eredità?" È una specie di una cosa spaventosa, ma la musica è troppo meritevole, troppo buona, per non avere una possibilità di continuare ad andare avanti. La gente ha avuto un sacco di pre-giudizi; molti di loro stanno per diventarne pazzi. Ma l'idea di creare qualcosa di nuovo significa che si lascia andare l'altra cosa.

D: Come si fa a bilanciare le esigenze di due grandi gruppi?

Chester: Non ho la risposta a questa domanda. Non so come farlo funzionare; non ne ho idea. Sembra ridicolo, ma come persona creativa, vado dove mi indica la mia creatività.

D: Con la loro fama e fortuna, i Linkin Park possono ancora sfruttare il lato oscuro come cantautori?

Chester: Fidati di me, la vita non ti lascerà mai senza angoscia, dubbi e domande. Si può pensare di ottenere il vostro grande colloquio di lavoro o di comprare una bella casa o di comprare una macchina o di sentire un cambiamento nella vostra vita che sistemerà le cose. Va e viene, come tutto in questo universo. Ci sono ancora cose che tirano fuori il buio da ognuno di noi: i tuoi genitori che muoiono, un incidente d'auto, le tue gambe che si rompono e tutto viene portato via. Non sarà mai in una situazione in cui questa fonte sarà asciutta.

 Fonte: Mikeshinodaclan.com

Commenti

Torna in cima alla pagina

Cerca nel sito...