Linkin Park: la strada verso l'indipendenza continua

Scritto da Stefano Galdieri, il 27 Dicembre 2014

 

Come noto, i Linkin Park sono uno tra i gruppi musicali a scrivere in maniera autonoma i propri testi e le proprie basi musicali, fin dagli esordi e con il passare del tempo si è reso ben visibile il processo di cambiamento e maturazione che ha portato il gruppo a diventare quella che è oggi contando principalmente su loro stessi e sul forte legame che unisce i membri. Questa tradizione è consolidata ormai da anni ma i Linkin Park hanno deciso di fare un passo in più.

Il gruppo ha infatti deciso di gestire in maniera autonoma quella che è la propria immagine e il proprio stile senza dover dipendere da terzi, è così che si viene a conoscenza della chiusura della divisione di gestione della nota società di managment musicale denominata The Collective, la quale conta tra i suoi clienti un vastissimo numero di artisti internazionali e vede tra i suoi principali top client anche i Linkin Park. La chiusura sembrerebbe essere stata causata proprio dalla decisione del sestetto californiano di recidere il proprio contratto con la suddetta società.

In merito a questa scelta Mike Shinoda mette in evidenza il perché di tale svolta:

"Abbiamo deciso di proseguire i nostri compiti di gestione in maniera autonoma e di scovare direttamente i talenti che contribuiranno a realizzare i progetti del gruppo negli anni a venire."

È d'obbligo inoltre precisare in merito alla questione che proprio The Hunting Party, il loro ultimo album in ordine temporale, è stato il primo album interamente autoprodotto dal gruppo stesso.

L'anno che sta per concludersi è stato sicuramente carico di successi e di grandi soddisfazioni per i Linkin Park, i quali hanno sicuramente dimostrato secondo quanto detto prima la voglia di miglioramento, di crescita, di indipendenza e di maturità per portare la loro arte ad uno stadio successivo.

 

Fonte: Mike Shinoda Clan

Commenti

Torna in cima alla pagina

Cerca nel sito...