Intervista a Mark Pellington

Scritto da Gazza, il 31 Luglio 2014

 

fm

Mark Pellington, regista del video di Final Masquerade è stato intervistato da LPA e oltre ad aver parlato del suo ultimo lavoro con i Linkin Park si è espresso sui video musicali in generale e sui suoi vecchi lavori. Ricordiamo che il regista ha lavorato con band del calibro di Pearl Jam, Foo Fighters, U2 e Alice In Chains.

Ecco la traduzione dell'intervista:

Hai avuto la possibilità di lavorare con così tanti gruppi su brani leggendari... "Jeremy" dei Pearl Jam, "One" degli U2, e così via. C'è un video musicale nella tua carriera di cui sei più orgoglioso? Perché? 

Orgoglioso è una parola interessante. Direi che dei "Jeremy" dei Pearl Jam è diventato così iconico e senza tempo, che il suo impatto dopo 22 anni è ancora profondo come quando è uscito. Questo lo distingue dagli altri, perché se nel corso degli anni la gente continua a dirmi "Oh mio Dio" per un mio video, è per quello. Quindi, è un testamento della tendenza culturale del epoca della canzone, e sono grato di averlo potuto girare. Quindi, direi "Jeremy" dei Pearl Jam.

Quali sono alcune delle sfide uniche per la realizzazione di un video musicale rispetto a qualsiasi altro pezzo di film? Ti piace di più che lavorare sui cortometraggi e pezzi per la televisione? 

Io amo i video musicali. Penso che siano la mia forma preferita su cui lavorare perché sono un grande appassionato di musica, e per l'emozione che nasce dalla musica e la libertà con cui i video musicali permettono di esplorare il subconscio. E si possono raccontare storie, ma non sei realmente vincolato da  convenzioni narrative o da una trama tradizionale. Per questo sono i miei lavori preferiti... che si tratti di un episodio pilota o un documentario, o una pubblicità o un video... Ogni forma è unica. Una poesia è molto diversa da un romanzo, che è diverso da un racconto, da un haiku, sai... Ogni forma letteraria è diversa. Ogni forma visiva è diversa, e ogni forma artistica ha le sue diverse influenze. Quindi mi piace lavorare a tutto per diverse ragioni, ma i video musicali sono i miei preferiti.

Negli ultimi anni, canali come MTV e VH1 hanno notevolmente cambiato il loro approccio alla programmazione. Dato il tuo lavoro su MTV, pensi che i video musicali siano ancora attuali, anche se questi canali hanno rivolto la loro attenzione principalmente ai reality? 

Beh sai, la mossa di MTV di togliere i video musicali come programmazione principale... quello è successo tanti anni fa. Hanno “tolto” il 'music television' dal loro logo molti anni fa, quindi non è una tendenza recente - questo è un dato di fatto. Penso che la scomparsa dei video musicali su MTV [come trasmissione principale] - come unico canale su cui vederli - è stata una transizione nello stesso modo in cui Internet si è ampliato come mezzo per vedere qualsiasi cosa, a partire da Netflix. I video musicali si sono ripresi nel momento in cui Internet si è ampliato. Quando fate un video e vedete un milione di visualizzazioni, commenti e risposte, quello è figo. Certamente penso che dal punto di vista economico, il business dei video musicali è cambiato. Il crollo economico l’ha distrutto. E mentre il business della musica è cambiato, il download digitale e il mondo digitale hanno cambiato il mondo della musica a livello finanziario. Il budget e l'utilizzo di video musicali come strumento di marketing è cambiato, e penso che in realtà ha avuto una rinascita negli ultimi anni. Perché i musicisti e il rapporto tra musica e immagine hanno una storia ricca e avranno sempre una storia, quello che conta sono le fonti di visualizzazione e il modo in cui le visualizzazioni cambiano. Così si passa dal monopolio di MTV, che era davvero l'unico canale a trasmettere video ed era davvero potente per come ha cambiato il mondo della musica 20-25 anni fa, ad ora... gli artisti stanno controllando più la creazione e la distribuzione della musica e, quindi, stanno controllando la creazione e la distribuzione della propria immagine, che crea grandi opportunità al di là di video musicali di fondere l'immagine, la musica e la storia.

Il video [di Final Masquerade, NdT] è più incentrato sulla performance del gruppo, o segue una storia con diversi personaggi? 

Come "Best of You", è un collage. Si tratta di un collage emotivo con una performance in cui il gruppo si esibirà in una metà del video, e nell'altra metà c'è un immaginario che ha delle storie, ma non una narrazione lineare. È formato da un sacco di associazioni inconsce di piccole situazioni, storie e personaggi che sfregano uno contro l'altro. Non c'è un grande concetto generale, c'è qualche significato inconscio sepolto piuttosto nel profondo dietro a tutto, per me è questo. La band era molto fiduciosa quando li ho incontrati. Ho scritto il trattamento [passaggio tra soggetto e sceneggiatura, NdT] in forma libera, e ho detto "Questo è quello che vedo, questo è dove sono io nella mia vita e questo è quello che sento." Ho incontrato Joe e Mike, loro erano miei fan, io ero un loro fan, sono stati molto fiduciosi e l’abbiamo realizzato e basta. C'era poco clamore su di esso. Era davvero bello il fatto che conoscessero il mio lavoro, abbiamo avuto un paio di discussioni su tono e colori, e una volta finite... era fatto! 

Altri progetti recenti per cui è eccitato: 

C'è qualcosa di cui sono orgoglioso che non è ancora su YouTube, ma lo sarà presto. Ho fatto un film di 55 minuti per un artista di Los Angeles di nome Chelsea Wolfe, che si chiama "Lone", ed è veramente figo. C’è il tralier online, c'è un video per una canzone chiamata "Feral Love" ed è sicuramente un cugino più dark e schivo di Final Masquerade. La canzone è su YouTube e il film è disponibile sul suo sito, ma se vi è piaciuto “Final Masquerade" dei Linkin Park, allora amerete “Lone” di Chelsea Wolfe.

 

Ricordiamo che Mark Pellington questa sera a partire dalle 22:00 sarà sulla chat di LPU a rispondere alla domande dei fan sul video di Final Masquerade.

 

Fonte: LPA

 

Commenti

Torna in cima alla pagina

Cerca nel sito...