Articolo di Rolling Stone sullo show di Los Angeles

Scritto da Shinobi, il 02 Settembre 2011

Rolling Stone ha postato un articolo sullo show segreto di Los Angeles in favore del Giappone, ecco la traduzione:

Il debutto dei Linkin Park nel 2000, Hybrid Theory, è diventato l'album più venduto in America nel 2001, e i Rocker californiani si sono velocemente laureati a suonare nelle arene. Così lo show della scorsa notte al Mayan Theater (1500 posti) nel centro di Los Angeles non era solo un'occasione molto rara di vedere la più famosa rock band dell'ultima decade in un ambiente così piccolo, ma era anche l'ambiente più piccolo in cui la band abbia suonato in quest'ultimo decennio.

L'occasione era un vantaggio unico per l'organizzazione del gruppo Music for Relief; la band ha invitato i suoi donatori migliori provenienti da tutto il mondo. "Abbiamo lanciato a voi ragazzi una sfida, e voi vi ci siete gettati a capofitto" ha detto il frontman Chester Bennington al pubblico. Infatti, l'importo minimo richiesto per ottenere un invito per lo spettacolo è stato di $500 ma il maggior raccolto individuale è stato di $13.000, e in totale la notte ha generato più di $350.000 [$357.000 secondo LPTimes, ndr] per le vittime in Giappone del terremoto dell' 11 Marzo, e il susseguente tsunami e disastro nucleare.

"La quantità di denaro raggiunta è fottutamente enorme! E tutto grazie a voi" ha detto Mike Shinoda.

Eccitati sia dalll'occasione che dall'impostazione, la band è riuscita a regalare regalare al pubblico il loro show - con cinque maxi-schermi, il batterista Rob Bourdon e Joe Hahn su delle travi, una gigantesca palla da discoteca durante "Shadow of the Day", e più punti di produzione - in un modo molto più intimo.

Bennington è saltato in mezzo alla folla durante "Numb" e Shinoda ha fatto lo stesso nel corso di una "In the End" show-stopping, fino ad arrivare alla parte posteriore del Mayan. Le mura ristrette del teatro hanno premiato anche canzoni meno "amiche" di grandi location come "Burning In The Skies" e soprattutto "Iridescent", dove la folla ha cantato insieme alla fine.
Infatti, mentre la band sembrava sinceramente commossa da quello che i loro fan hanno fatto, il pubblico lo era anche solo per la possibilità di vedere i Linkin Park uscire dalle grandi arene e ritornare alle loro radici.

Fonte: RollingStone.com

Commenti

Torna in cima alla pagina

Cerca nel sito...