Intervista ai B'z

Scritto da Shinobi, il 10 Agosto 2011

I B'z hanno parlato con artistdirect.com dello show segreto con i Linkin Park in aiuto del Giappone. Questa la traduzione del prologo dell'intervista:

Dopo lo tsunami in Giappone, B'z sapevano che dovevano fare qualcosa per aiutare.

Come progetto musicale del Paese dalle migliori vendite, sapevano che volevano fare qualcosa di globalo per non raccogliere solo soldi, ma consapevolezza. I Linkin Park si sono effettivamente presentati loro con l'occasione perfetta.

Pensando sempre verso l'esterno, i Linkin Park hanno avvicinato i B'z approposito di Music for Relief ed hanno messo su uno show segreto insieme il 31 Agosto 2011 a Los Angeles per 'Tsunami Relief'. Entrambe le bande suoneranno in un luogo molto piccolo, e l'unico modo per gli appassionati di entrare è di raccogliere $500 per il soccorso [Istruzioni qui]. Le prime 500 persone a raggiungere l'obiettivo otterranno un paio di biglietti, ma ci sono premi ancora più grandi per coloro che raggiungeranno di più. Inoltre, il 100% dei proventi netti va a favore dei bambini colpiti dal terremoto e dallo tsunami. È un motivo meraviglioso per mettere su uno spettacolo rock...

I B'z -Tak Matsumoto [chitarra] e Koshi Inaba [voce]- hanno parlato al redattore di artistdirect.com e autore di Dolor, Rick Florino, in questa esclusiva intervista approposito dello "Show Segreto per il Giappone", altri piani di beneficenza, nuova musica, e molto altro.

Ecco invece la traduzione dell'intervista:

Come siete stati coinvolti in Music for Relief?

Tak Matsumoto: Subito dopo che il "Great East Japan Earthquake" [nome con cui il terremoto di pochi mesi fa è conosciuto, ndr] è accaduto, il management dei Linkin Park mi ha chiesto di essere coinvolti in Music for Relief. Stavo pensando a cosa potevo fare per aiutare il mio paese così questa era l'occasione perfetta.

Koshi Inaba: Subito dopo il disastro a Marzo, Music for Relief ci ha chiesto di donare una canzone per l'album per aiutare il Giappone. Quello è stato l'inizio.

Stavate pianificando altri show di beneficenza?

Tak Matsumoto: Si, stiamo per iniziare il tour da Sendai (area colpita) questo settembre. Stiamo per avere due spettacoli lì e tutto il ricavato va ad una beneficenza locale.

Koshi Inaba: 100% dei proventi netti di questi due spettacoli sarà devoluto verso i soccorsi.

Cosa pensi che renderà più il speciale questo show di beneficenza con i Linkin Park?

Tak Matsumoto: Apprezzo profondamente il fatto che possiamo esibirci negli Stati Uniti e supportare anche il Giappone. E sono molto orgoglioso di condividere il palco con i Linkin Park, naturalmente.

Koshi Inaba: Che come un gruppo giapponese, siamo in grado di mostrare il nostro apprezzamento direttamente a chi sta sostenendo il nostro paese.

Che cosa possono aspettarsi i fan da questo show?

Tak Matsumoto: Penso che la maggior parte del pubblico non ha mai visto e non ha ancora ascoltato la musica B'z , per cui cercheremo di dare loro una grande performance come una rock band giapponese.

Koshi Inaba: Dato che è una rara opportunità per noi di suonare davanti ad un pubblico statunitense, c'è un elemento di eccitazione che sarà con tutti noi. Sarà divertente!

Ti piacerebbe suonare più concerti intimi come questo?

Tak Matsumoto: Per fortuna, noi dobbiamo suonare in piccoli spazi intimi così come in stadi in Giappone ogni anno. Mi piace molto suonare ovunque.

Koshi Inaba: Ci piace suonare in tutte le sedi, ma c'è una certa intimità che è difficile da catturare sul grande palco.

Come vi siete evoluti sul nuovo disco?

Tak Matsumoto: Per favore ascoltate il nostro nuovo album "C'mon" e troverate qualcosa di nuovo sui B'z. Facciamo totalmente tremare come band. Comunque, i nostri stili musicali sono cresciuti in molti aspetti unici.

Koshi Inaba: Siamo stati molto in tour con la band, penso che ci sia una certa maturità e alchimia che si può ascoltare su "C'mon".

In quale altro modo gli ascoltatori possono aiutare con Tsunami Relief?

Tak Matsumoto: Sono così grato a tutte le persone che stanno sostenendo il Giappone! Io credo che non si tratta solo di forniture e donazioni. Per ricostruire l'area devastata ci vorranno anni, quindi per favore non dimenticate le vittime dei disastri e non smettete di pregare per il Giappone.

Koshi Inaba: Facendo una donazione se potete. Le ripercussioni di questo disastro non andranno via per molto tempo. Non dimenticandosi dello tsunami in Giappone e pregando per le persone che stanno ancora soffrendo.

Fonte: artistdirect.com

Commenti

Torna in cima alla pagina

Cerca nel sito...